Metano: il futuro delle automobili

0

Non è più possibile considerare i carburanti tradizionali come una buona soluzione di lungo periodo: i costi sono decisamente alti e l’impatto ambientale non è da meno.

Che ci interessi direttamente o meno ridurre il nostro footprint ecologico, guardarsi intorno alla ricerca di vetture con alimentazioni alternative è diventato un obbligo: i risparmi, come avremo modo di vedere più avanti, sono decisamente concreti.

La buona notizia, sia per chi vuole migliorare il suo impatto, sia per chi invece è interessato soltanto a risparmiare, è che oggi puoi scegliere tra modelli di qualità, che non soffrono più delle limitazioni a livello di prestazioni di un tempo, con il piacere della guida che eravamo abituati ad attribuire soltanto alle vetture diesel o a metano.

Hai capito bene: oggi le auto a metano sono in grado di offrirti prestazioni (e anche distanze) di primissima fascia, senza farti rimpiangere la precedente auto a benzina.

I migliori gruppi guidano la rivoluzione

Una rivoluzione sottovoce, perché sicuramente non se ne parla abbastanza. Quando però il grosso del mercato avrà realizzato che il metano è il futuro dell’automobile, saranno i migliori gruppi ad emergere, quelli che già oggi sono in grado di offrire modelli e allestimenti di primissima fascia.

È il caso ad esempio di Volkswagen, che offre due delle sue vetture più iconiche proprio in versione ecologica a metano.

Oggi in tutte le concessionarie del gruppo tedesco puoi trovare sia la nuova eco up!, la city car del brand tedesco che già negli allestimenti a benzina si è conquistata una discreta quota di mercato, sia l’iconica Golf, che nell’allestimento TGI offre appunto alimentazione a metano.

La convenienza c’è davvero?

Sì. I risparmi garantiti dal metano sono importanti, senza tener poi conto di altri tipi di vantaggi come il risparmio sul bollo e la possibilità di circolare nelle ZTL e durante i blocchi del traffico.

Sia chi viaggia molto, sia chi invece utilizza la propria auto per fare pochi chilometri al giorno può dunque giovarsi dei vantaggi in termini di costi e di libertà di movimento che oggi soltanto una vettura a metano è in grado di offrire.

E le prestazioni?

Per anni il compromesso per chi si interessava di auto a metano è stato tra prestazioni e risparmio. Se era vero che con il metano si risparmiava moltissimo, era altrettanto vero che ci si doveva accontentare di prestazioni non esattamente al top.

Oggi le cose non stanno più così: la nuova Golf  TGI è in grado di raggiungere i 195 km/h e di passare da 0 a 100 in poco più di 10 secondi. Prestazioni niente male, che pongono quest’auto al di sopra di moltissime berline alimentate a diesel o a benzina.

Non ci sono davvero più scuse per non prendere in considerazione il metano come alimentazione della nostra prossima vettura. I grandi gruppi storici dell’auto si sono già mossi e sono già in grado di offrirci soluzioni pienamente funzionali, con tutti i vantaggi del metano senza doverne subire più i lati negativi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome ridurre la bolletta del gas