Ospiti soddisfatti? Merito della colazione! Ecco come fare

0

Tra i fattori determinanti in fase di prenotazione di una camera d’albergo c’è sicuramente la presenza di una abbondante colazione inclusa nel prezzo. Che il vostro sia un hotel di lusso o un piccolo Bed & Breakfast di provincia poco importa: gli ospiti percepiscono la colazione come una coccola nei loro riguardi. Più è ricca e curata, più gli ospiti rimarranno soddisfatti dal soggiorno, parleranno bene di voi e torneranno a farvi visita.

Ma come offrire una prima colazione che sia realmente impeccabile e quali sono gli errori da evitare? Ecco una breve guida per i ristoratori e gli hotel manager da cui attingere consigli per offrire agli ospiti una colazione memorabile!

Cura dei dettagli e igiene per la colazione in camera o a buffet

La colazione in camera è un “lusso” a cui soltanto una ristretta categoria di viaggiatori può accedere ecco perché dovrà essere curata in ogni dettaglio. Infatti, è il cliente a pagare per ricevere questo servizio e l’aspettativa, come è giusto che sia, sarà elevata! L’ospite si aspetta un servizio di qualità superiore a quello standard dunque nulla potrà essere lasciato al caso. Dalla scelta delle vivande all’impiattamento, prediligi stoviglie e posate di design o classiche, purché si accordino allo stile della tua struttura. Personalizza il servizio e istruisci il personale affinché sia attento alle esigenze dell’ospite senza però risultare troppo invadente.

Se invece offri una colazione a buffet, la prima cosa a cui dovrai pensare è la gestione degli spazi, in maniera tale da non creare affollamento intorno al tavolo del buffet e consentire agli ospiti di muoversi agevolmente all’interno della sala.

Disponi le bevande ordinatamente e separate dalle altre vivande. Se offri una grande varietà di prodotti per la prima colazione, ai classici caraffe, vassoi e ciotole preferisci distributori automatici di bevande, espositori e dispenser cereali, un metodo più igienico per mettere a disposizione degli ospiti ogni genere di alimenti per la prima colazione, prevenendo il rischio di contaminazioni. I viaggiatori infatti, sono sempre più attenti alle condizioni igieniche della struttura e spesso le recensioni negative rilasciate al check-out riguardano proprio questo aspetto.

Qualità e territorio: il cibo racconta storie antiche!

Un errore da non commettere mai è quello di offrire ai propri ospiti una “colazione da supermercato”. O peggio, da discount! Offrire un prodotto confezionato e ancora impacchettato, senza alcuna cura né per la presentazione né per la qualità degli alimenti, farà apparire il servizio come poco attento alla clientela.

Un piccolo B&B o un agriturismo, ancor più di una struttura di lusso, potranno sfruttare il momento della prima colazione come un’occasione per raccontare all’ospite il territorio in cui si trova attraverso il cibo.

I viaggiatori, infatti, sono sempre più interessati ad approfondire la cultura gastronomica locale e la scelta di una struttura extralberghiera, a volte, è dovuta anche al desiderio di relazionarsi con una persona del posto, qualcuno che non sia semplicemente un host ma che faccia anche da guida alla città, soprattutto a partire dai consigli sul cibo.

Attenzione alle esigenze speciali degli ospiti

In fase di prenotazione sii attento nel porre domande ai futuri ospiti. Indaga le eventuali esigenze alimentari e cerca di offrire loro quanta più varietà possibile. In particolare, crea all’interno del buffet un’area dedicata agli alimenti senza glutine e senza lattosio oppure rifornisci un ripiano del frigorifero del tuo B&B con prodotti di questo genere.

Se la tua utenza proviene da diverse Nazioni e differenti culture, presta attenzione anche alle diete vegetariana e vegana e ricorda che non tutti gradiscono la colazione all’italiana. Pertanto, metti a disposizione degli ospiti una varietà di alimenti dal dolce al salato che possano essere combinati a piacimento.

Ultimo ma non ultimo dei consigli: ricorda di comunicare al meglio la tua offerta tramite i canali social e il sito internet e chiedi un feedback alla fine del soggiorno: saranno proprio gli ospiti a dirti cosa migliorare e cosa invece è rimasto loro nel cuore!

CONDIVIDI
Articolo precedenteBrunch: che cos’è e come si organizza